Scienza dell’alimentazione e dietetica - slide
Scienza dell’alimentazione e dietetica - slide
Scienza dell’alimentazione e dietetica - slide
Scienza dell’alimentazione e dietetica - slide

Valutazione stato nutrizionale

Fitnessstudio

Laboratorio di Valutazione Antropometrica  

TEST BIOIMPEDENZIOMETRO

In particolare, il bioimpedenziometro (strumento che valuta la conducibilità elettrica di un tessuto in base al contenuto di acqua e trasforma quel dato in quantità di tessuto grasso e magro) consentirà di misurare la composizione corporea ovvero stabilire la massa magra e grassa di un soggetto. Una misurazione che si effettua prima e durante una dieta o un periodo di allenamento, in modo da capire se la dieta consente di diminuire la massa grassa in favore di quella magra.

Conoscere la composizione corporea non vuol dire solo conoscere  il proprio peso, ma significa capire in modo oggettivo ed analitico da cosa è composto (muscolo, acqua, grasso) e come le componenti cambiano nel tempo.

Attraverso la metodica BIA siamo in grado di analizzare lo stato di idratazione (valutando eventualmente stati di ritenzione idrica o disidratazione e lo stato nutrizionale), valutare la quantità di muscolo e grasso corporeo, stimare il metabolismo basale.

Come funziona l’esame della composizione corporea (BIA) ?

La tecnica dell’analisi di impedenza bioelettrica (BIA) si basa su un test semplice e non invasivo e può essere eseguito su tutte le tipologie di soggetti (donne in gravidanza, neonati, anziani, etc..)

E’ sufficiente applicare 4 elettrodi adesivi al soggetto disteso sul lettino.

Obiettivo dell’esame :

– identificare lo stato reale della composizione corporea all’inizio di un percorso nutrizionale, non limitandosi al solo peso corporeo ma valutando in maniera precisa la quantità e qualità di liquidi, cellule e grasso dei quali il corpo è composto

– modificare la normale alimentazione per curare, controllare o correggere errori alimentari o squilibri metabolici

– controllare l’equilibrio ideo-elettrolitico, che è la base di partenza per migliorare vitalità, conicità e forza muscolare.

– coprire tutti i fabbisogni di energia e nutrienti

Raccomandazioni prima di effettuare la BIA 

  • E’ preferibile non allenarsi la sera prima o fare sforzi eccessivi.
  • Non bere alcoli la sera prima.
  • Non consumare thè e caffeina poco prima del test.
  • Mantieniti idratato e mangia normalmente come fai nel tuo quotidiano. Meglio non consumare pasti almeno da 3 ore.
  • Non mettere creme su mani e piedi.
  • Togliere eventuali orologi bracciali e anelli durante il test.
  • Per le donne attenzione : se sotto ciclo meglio evitare l’esame perché la ritenzione dei liquidi potrebbe sfalsare il risultato. Il momento ideale è a metà fra un ciclo e l’altro.

LEGGI ANCHE QUESTO ARTICOLO  BIA E SPORT (Clicca qui) 

PLICOMETRIA

La metodica antropoplicometrica è il metodo più diffuso di valutazione della composizione corporea; è semplice, non invasiva, di poco costo, di rapida esecuzione ed utilizzabile come riferimento per analizzare le modificazioni della massa muscolare in corso di attività fisica o dopo specifici programmi di allenamento.
Il principio su cui si basa è che l’aumento del grasso corporeo totale determina anche un parallelo aumento del grasso sottocutaneo. Essa si basa sulla misurazione dello spessore della pelle tramite una pinza calibrata, detta plicometro.

La metodica plicometrica offre un vantaggio specifico poiché garantisce la possibilità di ottenere delle informazioni sulle diversità distrettuali di composizione corporea, in particolare della distribuzione di tessuto adiposo.
La plicometria cutanea è una metodica densitometrica in quanto arriva alla determinazione di una densità corporea partendo dalla misurazione dello spessore del tessuto adiposo sottocutaneo. Si assume che vi sia uno stretto rapporto tra gli spessori delle pliche e la percentuale di grasso totale corporea.
La misurazione delle pliche ci consente di risalire alla densità corporea e da questa al compartimento di massa grassa, per differenza dal peso si otterrà poi la massa magra.
Numerosi studi hanno dimostrato che esiste un grado di correlazione tra il grasso sottocutaneo e quello totale, questo è in funzione dell’età e varia a seconda della popolazione considerata, inoltre la plicometria consente di definire la topografia del grasso sottocutaneo

CONTATTI

©2015 SALUS ITINERE S.C.S. Onlus - Privacy

Credits RSW Studio